NO Airshow

COMUNE DI Ladispoli
Al Sindaco   Alessandro Grando

 P.c. Lettera aperta alla stampa

  

Oggetto: Airshow a Ladispoli 16 giugno

thGent.mo Sindaco,

come WWF Litorale Laziale desideriamo manifestare la nostra viva preoccupazione per la manifestazione in programma il 16 giugno prossimo con l’esibizione delle frecce tricolori. Comprendiamo che tale iniziativa possa richiamare a Ladispoli un vasto pubblico. Evidenziamo però che tale evento arrecherà un danno notevolissimo agli animali e alle persone.

Gli animali, quelli domestici e selvatici, dovranno subire per diversi minuti un’onda sonora molto al di sopra della soglia consentita con conseguente notevole stato di sofferenza. I cittadini, maggiormente quelli con uno stato di salute precario, soffriranno dell’impatto sonoro assolutamente inconsueto. Inoltre il passaggio a bassa quota di numerosi aerei produrrà un sensibile inquinamento atmosferico nocivo per chi soffre di insufficienza respiratoria.

Occorre precisare che la parte più spettacolare è affidata alle evoluzioni di caccia da guerra del tipo Eurofighter; questi aerei più potenti degli altri, hanno un potere di inquinamento dell’aria e sonoro impressionante e sono capaci anche di superare la barriera del suono; inoltre negli ultimi anni sono stati protagonisti di tragici incidenti e sono potenzialmente pericolosi per gli spettatori. Gli Eurofighter sono bombardieri e sono strumenti di guerra e di morte e noi, come da dettato costituzionale, rifiutiamo la guerra. Siamo, quindi, contro queste manifestazioni che esaltano il potere del nostro Stato di uccidere e inquinare.

Ci auguriamo che in futuro tali considerazioni possano portare ad una diversa scelta riguardo agli eventi da selezionare per la promozione del territorio, rispettosi degli equilibri ambientali e qualificanti per il comune che Lei amministra.

Ringraziamo per l’attenzione ed inviamo Distinti saluti

La Presidente Franca Maragoni

 

Vice Presidente Maria Gabriella Villani

Annunci

Piano Rifiuti regionale e gestione dei rifiuti urbani

A gennaio di quest’anno la Regione Lazio ha emanato le linee strategiche del Piano di gestione dei rifiuti su tutto il territorio regionale. Vengono comunicati due dati che riconoscono implicitamente l’inefficienza gestionale del processo fondato su raccolta differenziata e trattamento meccanico biologico (TMB) del residuo. Quest’ultimo serve a inertizzare l’eventuale frazione organica ancora presente nel […]

via Le linee strategiche del Piano Rifiuti della Regione Lazio impongono delle riflessioni sull’intera gestione dei rifiuti urbani — Litorale pontino

Una Riserva di Natura da proteggere

Corso per la conoscenza e la vigilanza ambientale nella Riserva Naturale Statale Litorale Romano. Con il patrocinio dell’Ente Regionale Romanatura,  il WWF Litorale Laziale organizza un corso per la tutela e la vigilanza nella Riserva Litorale Romano, per fornire un approfondimento sulla conoscenza del territorio della Riserva Litorale Romano. L’obiettivo del corso, articolato in nove […]

via Una Riserva di Natura da proteggere — Litorale romano

Primo grande successo della campagna nazionale NO PESTICIDI partita da Terracina

Da una nota dell’agenzia ANSA si apprende che il Parlamento ha votato all’unanimità una mozione che tra le altre cose impegna il Governo “a potenziare il sistema dei controlli sull’uso corretto dei pesticidi in agricoltura, incrementando anche i controlli sui prodotti agroalimentari importati dai Paesi terzi per i quali è possibile dimostrare che siano stati […]

via Primo grande successo della campagna nazionale NO PESTICIDI partita da Terracina — Litorale pontino

A Terracina manifestazione delle associazioni locali contro l’autostrada Roma-Latina

Oggi le associazioni WWF Litorale laziale, Legambiente Pisco montano, Terracina Social Forum, Social Forum Circeo, Città Partecipata insieme al Comitato No corridoio Roma -Latina per la metropolitana leggera hanno animato una manifestazione di dissenso totale nei confronti della costruzione di questa autostrada a pedaggio. La manifestazione si è svolta sotto la pioggia sulla […]

via A Terracina manifestazione delle associazioni locali contro l’autostrada Roma-Latina — Litorale pontino

L’Oasi NaturAntica

La piccola Oasi naturalistica ad Ostia Antica è stata realizzata a partire dal 2012 su un’area archeologica che conserva i resti di un antico molo di epoca romana. L’Università delle Tre Età in collaborazione con diverse associazioni tra cui il WWF Litorale Laziale e la LIPU, insieme alle scuole del territorio, ha realizzato un interessante esperimento di rinaturalizzazione […]

via Oasi NaturAntica — Litorale romano

Ripresi i lavori di bonifica alla Rimembranza

Da qualche giorno nella Rimembranza, a Terracina, si è aperto un cantiere di lavoro e chi passa per la strada sottostante sente il ronzio della motosega che seziona gli alberi abbattuti e i colpi della roncola che spoglia i grossi rami. Gli operai dell’impresa cui il Comune ha affidato i lavori di bonifica sono all’opera e se […]

via Ripresi i lavori di bonifica alla Rimembranza — Litorale pontino

Focene Mare Nostrum dopo la mareggiata

Dopo la mareggiata eccezionale di fine ottobre siamo andati a verificare la situazione dell’area che pochi mesi prima era stata oggetto del nostro intervento per tutelare l’ecosistema dunale di Mare Nostrum, che è parte della Riserva Naturale Statale Litorale Romano, e che si trova proprio davanti all’Oasi WWF di Macchiagrande. Come WWF ci eravamo infatti impegnati a manutendere le strutture anche dopo la fine del progetto.

Temevamo il peggio, visto quello che è accaduto in tutta Italia e soprattutto sulle coste. Invece solo 11 pali sono stati scalzati dalle onde, rimanendo comunque ancorati alla robusta corda di canapa. Essendo impensabile riposizionarli adesso, li abbiamo provvisoriamente rimossi… Li ripianteremo in primavera.

Sembra aver funzionato bene la barriera in fibra di cocco, che ha accumulato una gran quantità di sabbia, evitando che venisse dispersa. Abbiamo raccolto un bel po’ di immondizie, che erano state accumulate dai frequentatori della spiaggia che non hanno ancora l’abitudine di riportarseli a casa. Purtroppo la mareggiata ha portato un gran quantitativo di rifiuti, spargendoli dappertutto, all’interno, anche a molti metri dalla battigia.

Nelle zone protette dalla recinzione sono germogliate le prime pianticelle dunali! Non venendo calpestate hanno la possibilità di crescere arrivando a svolgere la loro funzione nell’ecosistema.

 

 

 

Terracina, danni anche nel Parco della Rimembranza

L’evento atmosferico verificatosi ieri a Terracina ha prodotto danni a persone, alle abitazioni, alle macchine, alle attività, al patrimonio culturale della città e non ha risparmiato la vegetazione presente nelle strade e nei parchi incontrata lungo il percorso. La città si sta impegnando tutta per il ripristino di condizioni accettabili per la vita cittadina e […]

via Ieri pomeriggio danni anche nel Parco della Rimembranza e al sovrastante ex-convento di San Francesco — Litorale pontino

Difesa delle dune di Focene, progetto pilota

Preservare l’ecosistema delle dune costiere di Mare Nostrum a Focene, patrimonio naturale di altissimo pregio, e’ stato l’obiettivo del progetto che ha interessato il tratto di costa, davanti all’Oasi WWF di Macchiagrande, che fa parte della Riserva Naturale Statale del Litorale Romano ed è sito tutelato dalle direttiva Europea per la protezione degli habitat.

Il WWF Litorale Laziale, grazie al contributo dell’Amministrazione Comunale di Fiumicino, da fine marzo ha realizzato il progetto pilota per la difesa delle dune di Focene Nord, con diversi interventi di protezione per la tutela dell’ambiente naturale attraverso l’eliminazione dei fattori di disturbo costituiti principalmente dal transito dei mezzi a motore sulla duna e dal calpestio incontrollato dei bagnanti.

DSC00455

Il Vicesindaco Ezio Di Genesio Pagliuca ha presenziato all’inaugurazione delle opere, mercoledì 5 settembre alle ore 11.00 a Mare Nostrum, il tratto di costa situato a Nord dell’abitato di Focene, al confine con Fregene.

Numerosi gli interventi realizzati:

-chiusura dell’accesso alle auto, attraverso un’accurata delimitazione con pali di castagno dell’area di parcheggio,

-passerella in legno di accesso alla spiaggia, anche per le persone disabili, che convoglia il flusso di accesso dei bagnanti per evitare il calpestio della preziosa area dunale,

-delimitazione delle aree dunali con pali di castagno e corda di canapa e l’inserimento di una idonea segnaletica, per un lunghezza di circa 500 metri,

-pannello didattico sull’ecosistema dunale e la funzione della duna,

-attivita’ di educazione ambientale per 10 classi di Focene,

– barriera con rete in fibra di cocco, lunga 50 metri per trattenere la sabbia e quindi aiutare la ricostruzione del cordone dunale,

– evento di pulizia manuale delle duna costiera.

Nelle attivita’ sono stati coinvolti alcuni ragazzi del Liceo L. Da Vinci di Maccarese che hanno partecipato con impegno ed entusiasmo.

37797112_1947838488572977_1727178891442782208_n

Inoltre il WWF e’ impegnato a mantenere le strutture con eventuali piccoli interventi di ripristino e manutenzione per il prossimi 24 mesi.

 

DSC00565

DSC00560