Focene Mare Nostrum dopo la mareggiata

Dopo la mareggiata eccezionale di fine ottobre siamo andati a verificare la situazione dell’area che pochi mesi prima era stata oggetto del nostro intervento per tutelare l’ecosistema dunale di Mare Nostrum, che è parte della Riserva Naturale Statale Litorale Romano, e che si trova proprio davanti all’Oasi WWF di Macchiagrande. Come WWF ci eravamo infatti impegnati a manutenere le strutture anche dopo la fine del progetto.

Temevamo il peggio, visto quello che è accaduto in tutta Italia e soprattutto sulle coste. Invece solo 11 pali sono stati scalzati dalle onde, rimanendo comunque ancorati alla robusta corda di canapa. Essendo inmensabile riposizionarli adesso, li abbiamo provvisoriamente rimossi… Li ripianteremo in primavera.

Sembra aver funzionato bene la barriera in fibra di cocco, che ha accumulato una gran quantità di sabbia, evitando che venisse dispersa. Abbiamo raccolto un bel po’ di immondizie, che erano state accumulate dai frequentatori della spiaggia che non hanno ancora l’abitudine di riportarseli a casa. Purtroppo la mareggiata ha portato un gran quantitativo di rifiuti, spargendoli dappertutto, anche a molti metri dalla battigia.

Nelle zone protette dalla recinzione sono germogliate le prime pianticelle dunali! Non venendo calpestate hanno la possibilità di crescere arrivando a svolgere la loro funzione nell’ecosistema.

 

 

Annunci

Difesa delle dune di Focene, progetto pilota

Preservare l’ecosistema delle dune costiere di Mare Nostrum a Focene, patrimonio naturale di altissimo pregio, e’ stato l’obiettivo del progetto che ha interessato il tratto di costa, davanti all’Oasi WWF di Macchiagrande, che fa parte della Riserva Naturale Statale del Litorale Romano ed è sito tutelato dalle direttiva Europea per la protezione degli habitat.

Il WWF Litorale Laziale, grazie al contributo dell’Amministrazione Comunale di Fiumicino, da fine marzo ha realizzato il progetto pilota per la difesa delle dune di Focene Nord, con diversi interventi di protezione per la tutela dell’ambiente naturale attraverso l’eliminazione dei fattori di disturbo costituiti principalmente dal transito dei mezzi a motore sulla duna e dal calpestio incontrollato dei bagnanti.

DSC00455

Il Vicesindaco Ezio Di Genesio Pagliuca ha presenziato all’inaugurazione delle opere, mercoledì 5 settembre alle ore 11.00 a Mare Nostrum, il tratto di costa situato a Nord dell’abitato di Focene, al confine con Fregene.

Numerosi gli interventi realizzati:

-chiusura dell’accesso alle auto, attraverso un’accurata delimitazione con pali di castagno dell’area di parcheggio,

-passerella in legno di accesso alla spiaggia, anche per le persone disabili, che convoglia il flusso di accesso dei bagnanti per evitare il calpestio della preziosa area dunale,

-delimitazione delle aree dunali con pali di castagno e corda di canapa e l’inserimento di una idonea segnaletica, per un lunghezza di circa 500 metri,

-pannello didattico sull’ecosistema dunale e la funzione della duna,

-attivita’ di educazione ambientale per 10 classi di Focene,

– barriera con rete in fibra di cocco, lunga 50 metri per trattenere la sabbia e quindi aiutare la ricostruzione del cordone dunale,

– evento di pulizia manuale delle duna costiera.

Nelle attivita’ sono stati coinvolti alcuni ragazzi del Liceo L. Da Vinci di Maccarese che hanno partecipato con impegno ed entusiasmo.

37797112_1947838488572977_1727178891442782208_n

Inoltre il WWF e’ impegnato a mantenere le strutture con eventuali piccoli interventi di ripristino e manutenzione per il prossimi 24 mesi.

 

DSC00565

DSC00560

Il WWF protegge le dune davanti all’Oasi di Macchiagrande

In Italia le dune costiere rappresentano l’habitat più a rischio, al pari delle zone umide e anche a Fiumicino la duna costiera è sicuramente il più rilevante tra gli habitat meritevoli di conoscenza e di tutela. Dopo un lungo iter autorizzativo partito nel 2015, alla fine di marzo il WWF Litorale Laziale ha iniziato l’intervento pilota per la tutela dell’ecosistema dunale sull’area denominata Mare Nostrum, situata tra Focene e Fregene, proprio davanti all’Oasi WWF di Macchiagrande,  e insieme a questa fa parte della Riserva naturale Statale del litorale Romano ed è compresa all’interno del Sito di Interesse Comunitario, SIC IT6030032, denominato Macchiagrande di Focene e Macchia dello Stagneto.

DSC04050

Il Piano di Gestione della Riserva raccomanda attenzione alla conservazione dell’ecosistema delle dune costiere al fine di preservare questo eccezionale litorale, scampato alla realizzazione di stabilimenti, strade e villini, in cui un certo tipo di utilizzo balneare può convivere con la protezione dell’ambiente.

L’iniziativa del WWF Litorale Laziale, resa possibile grazie al contributo del Comune di Fiumicino, rappresenta un primo passo per la tutela e la conservazione delle aree dunali della Riserva che ci auguriamo possa estendersi presto anche alle dune di Coccia di Morto, a quelle della Foce dell’Arrone, della foce del Rio Tre Denari e alle dune di Palidoro.

Obiettivo del progetto è quello di eliminare i fattori di disturbo sull’area dunale, costituiti principalmente dal transito dei mezzi a motore e dal calpestio incontrollato dei bagnanti che camminano ovunque sulle dune.

Al momento sono stai realizzati i seguenti interventi:

– delimitazione dell’area di parcheggio auto per proteggere la vegetazione;

– delimitazione dell’area dunale con pali di castagno e corda di canapa;

– educazione ambientale per le classi della scuola elementare e media di Focene.3aprile2018

Si sta infine avviando la realizzazione del camminamento per l’accesso alla spiaggia percorribile anche da persone diversamente abili  e della segnaletica da inserire lungo la recinzione delle aree dunali.

Questo progetto è una grande sfida per il WWF, perchè tra i fattori di disturbo c’è anche una fortissima erosione marina, provocata da pesanti interventi di difesa della costa immediatamente a Sud.

Una festa lunga un anno

Per celebrare i suoi 50 anni di storia il WWF Italia ha deciso di replicare la Giornata Oasi – cioè, l’apertura gratuita delle Oasi (normalmente visitabili durante l’anno) – per le prossime prime domeniche di ogni mese fino a quella di ottobre.
Nel territorio del litorale laziale saranno aperte due Oasi:

  1. l’Oasi di Macchiagrande, che quest’anno compie 30 anni, a Fregene;
  2. il Parco della Rimembranza, a Terracina (Litorale pontino)

Per raggiungere Macchiagrande: a Fregene Sud (Fiumicino), all’angolo tra via della Veneziana e via di Castellamare. Saranno presenti, insieme al responsabile dell’Oasi,  i volontari del WWF Litorale laziale.

3luglioMacchiagrande